PROGRAMMA GENERALE

Il programma generale della comunità si rifà a un modello di setting terapeutico integrato.

Setting: sfondo e sceneggiatura

  • è scenario di luogo e di tempo in cui sì dispiega la relazìone terapeutica
  • è dispositivo, sia emotivo-cognitivo, sia concreto, che si costruisce definendo spazi, luoghi, ruoli e funzioni, laddove evidenziare ed analizzare i significati affettivi delle proiezioni dei pazienti, in quella situazione specificatamente costruita con un obiettivo, in un determinato momento.

Pertanto il setting corrisponde solo in parte alla sede della comunità e al suo programma. Ma si completa con altri attori e nel territorio. Cosi necessita di:

Integrazione: nel metodo di lavoro

  • tra volontariato e professionismo
  • tra diverse figure professionali (educatori, assistenti sociali, psicologi, medici, psichiatri)
  • tra diversi linguaggi e modelli teorici (il linguaggio medico e quello psicologico, l‘approccio psicoterapíco e quello educativo, la cultura psicanalìtíca, gruppo analitica e le teorie sistemiche) con la consapevolezza che ciascuno di questi elementi non è contrapposto ma portatore di saperi che rafforzano il loro valore se vengono integrati. Nella dimensione dell‘aggiornamento continuo, correttezza metodologica, della collaborazione e non competizione con le strutture pubbliche, della moltiplicazione di offerte terapeutiche.

Integrazione: sul piano clinico

La tossicodipendenza è un sintomo complesso e multifattoriale, che si può tentare di comprendere in un'ottica multidisciplinare, cercando di cogliere sia soggettivo ed autoterapeutico della sostanza, sia quello comunicativo. Un‘analisi senza pregiudizi, né moralismi, né medicalìzzazione: la tossicodipendenza non è un vizio un peccato. Gli ospiti della Comunità sono portatori ciascuno di una sofferenza diversa, benché sia simile il modo di manifestarla (sintomo). Per tale sofferenza (pathos), che può diventare malattia (cronica recidìvante, secondo l'OMS) sono necessari un nome (diagnosi) e una soluzione (terapia) che nasca della persona globale (corpo ed emozioni). Terapia che si deve strutturare in un progetto individualizzato. Questi diversi momenti, di ascolto, diagnosi, ricerca di soluzione, sono facilitati e potenziati dalla dimensione relazionale comunitaria, sia di gruppo sia duale.

Integrazione: nei progetti

  • dei diversi livelli di comunicazione che il sintomo tossicodipendenza racchiude
  • dei diversi tempi soggettivi (anche fasi motivazionali del soggetto e della famiglia)
  • delle diverse risorse individuali e dei servizi

Obiettivi

Bisogna permettere al paziente di fare un'esperienza in cui poter integrare le varie partì scisse della sua personalità per giungere a un'ìntegrazione più stabile e meno conflittuale della propria identità. Occorre poi sviluppare la capacità di utilizzare ogni tipo dí risorsa (affettiva, sociale, farmacologia) in modo costruttivo per proprio benessere ed all‘interno di relazioni di reciprocità.